Renaud Boyer

Francia | Borgogna

Renaud Boyer dal 2004 occupa 3 ettari della proprietà di famiglia a Mersault, nella Côte de Beaune, uno dei territori-chiave della Borgogna.
Lavora le vigne dello zio, Thierry Guyot, precursore dell’agricoltura biologica che già nel 1986 lavorava in biodinamica.

Renaud sceglie la strada che più gli corrisponde: senza proclami né concessioni, si definisce un adepto della viticoltura naturale e senza solfiti. Produce vini perfettamente corrispondenti all’andamento dell’annata. Nel 2017, la Commissione per la Denominazione non ha gradito l’atipicità dei suoi vini e, per tutta risposta, Renaud ha cambiato l’etichetta del suo Saint-Romain, una magnifica parcella storica, chiamandolo “SR” e mettendolo quindi in bottiglia come Borgogna generico.

Le parcelle sono a Saint-Romain, Puligny-Montrachet e nei dintorni di Beaune. Renaud vendemmia manualmente, vinifica a grappolo intero e senza solforosa aggiunta. Per lo Chardonnay, le viti hanno oltre 80 anni, allevate su suolo di marne bianche esposto a Sud-ovest. Le lavora con pressatura diretta, fermentazione a bassa temperatura e macerazione sulle fecce fini in botte, per 12 mesi. Il vigneto di Pinot Nero ha invece 50 anni, i terreni sono argilloso-calcarei, con massiccia presenza di calcare di origine lavica. Il Saint-Romain Rouge, dall’eccezionale potenziale d’invecchiamento, viene pigiato con i piedi, vinificato a grappolo intero, per poi fare una macerazione di 3 settimane.

Le etichette

Glu Glu Wine Srl | Corso Giacomo Matteotti, 42 | 10121 Torino (To) | P.Iva e C.F. 11523800016

Cookie - Privacy Crediti